Patologie

Glaucoma, cure ed interventi

Il glaucoma è tra le più gravi patologie che possono affliggere l'occhio, è caratterizzato da un aumento anomalo della pressione oculare e da un conseguente danneggiamento del nervo ottico. Il nervo ottico si occupa di trasmettere gli stimoli visivi al cervello, quindi quando viene danneggiato può portare il paziente alla cecità. Esistono diversi fattori di rischio che possono causare il glaucoma:

Descrizione dell'uveite

L'uveite si verifica quando la tunica vascolare dell'occhio, detta uvea, si infiamma. Vi sono diversi tipi di uveite, che vengono classificati in base alla parte di uvea coinvolta: uveite anteriore, posteriore, intermedia e panuveite. L'uveite anteriore colpisce la zona dell'iride, il corpo ciliare o la cornea. L'uveite posteriore interessa la zona della retina, ovvero il fondo dell'occhio. L'uveite intermedia si localizza tra la parte posteriore dei corpi ciliari e il limite anteriore della retina. La panuveite interessa invece l'occhio nella sua totalità. Inoltre l'uveite va anche distinta in infettiva o immunitaria e in acuta o cronica.

Descrizione della retinopatia diabetica

La retinopatia diabetica è una malattia che coinvolge i vasi sanguigni della retina. Il diabete è una malattia che danneggia tutti i vasi sanguigni a causa dell'accumularsi di glucosio nel sangue; le persone che ne soffrono da almeno 8 anni sono soggetti ad avere problemi anche al sistema vascolare retinico. La retinopatia diabetica si divide in due categorie: retinopatia diabetica non proliferante e retinopatia diabetica proliferante.

Descrizione della trombosi retinica

La trombosi retinica è una patologia dell'occhio che colpisce la retina ed il suo sistema circolatorio. Quando vi è un'occlusione della vena retinica il sangue non viene drenato correttamente. Il mancato drenaggio del sangue provoca una maggiore pressione nei capillari che nutrono la retina, i quali cedono riversando il sangue nella retina e provocando accumuli e gonfiori che possono lederla. La trombosi retinica colpisce per lo più persone in età adulta e soggetti già affetti da cardiopatie, ipertensione, diabete.

Che cos’è la presbiopia

La presbiopia insorge con l'avanzare dell'età ed è causata dalla perdita di elasticità del cristallino e quindi dell'apparato accomodativo in generale. Infatti, quando l'occhio visualizza un oggetto, il muscolo ciliare curva la superficie anteriore del cristallino per permettere alla retina di focalizzare l'immagine. Le persone affette da presbiopia possono vedere bene gli oggetti lontani ma hanno difficoltà a leggere o a focalizzare gli oggetti da vicino come, ad esempio, il display del telefonino.