Patologie

Descrizione cheratocono

Il cheratocono è una malattia rara che coinvolge la cornea dell'occhio. Il suo nome deriva dalla forma conica assunta dalla cornea in presenza di cheratocono avanzato. La deformazione della cornea avviene quando i tessuti corneali si assottigliano e si piegano verso l'esterno dell'area anteriore alla pupilla. L'assottigliamento della cornea può essere dovuto a diversi fattori, tra i quali micro traumi da sfregamento, disfunzione delle ghiandole endocrine come la tiroide e l'ipofisi. Il cheratocono si manifesta spesso in presenza di atopia, ovvero quando il paziente è predisposto, per via ereditaria, alle malattie allergiche ed alle reazioni anafilattiche. Il cheratocono è una malattia degenerativa che può manifestarsi sin dall'infanzia, ma nella maggior parte dei casi si presenta nella pubertà e continua a svilupparsi fino ai 40 anni per poi arrestarsi spontaneamente. I casi più gravi possono portare al trapianto di cornea. In caso di cheratocono l'utilizzo di occhiali o lenti per la correzione della vista è solo uno strumento per recuperare in parte l'acuità visiva del paziente, ma non rappresenta in alcun modo una terapia attua a recuperare la rigidità della cornea e a bloccare lo sviluppo del cheratocono.

Intervento cataratta

La cataratta è una malattia molto frequente che riguarda l’opacizzazione del cristallino causando l’annebbiamento della vista. La cataratta è per lo più collegata al processo d’invecchiamento del cristallino: qualsiasi opacità congenita o acquisita del cristallino che penalizzi la visione è da considerarsi una cataratta. Il cristallino è una delle due lenti (l’altra è la cornea) presenti all’interno dell’occhio che funziona come l’obbiettivo di una macchina fotografica, cioè mette a fuoco le immagini a livello della retina (tessuto neurosensoriale dell’occhio) che, tramite il nervo e le vie ottiche, le invia al cervello. Anche se la cataratta è una patologia che si riscontra soprattutto in età avanzata, se ne possono descrivere diversi tipi:

Descrizione dell'ambliopia

L’ambliopia, detta anche occhio pigro, si verifica quando uno degli occhi non sviluppa appieno la propria capacità visiva durante la prima fase di sviluppo, ma in rare occasioni può riguardare anche entrambi gli occhi. Nei primi anni di vita la perdita di potenza visiva stimola il cervello a sopprimere le immagini provenienti dall'occhio difettoso, dando invece precedenza alle immagini provenienti da quello sano. In questo modo il cervello tende ad usare un solo occhio (messo sempre sotto sforzo) abbandonando la visione binoculare. Esistono diversi tipi di ambliopia:

Descrizione astigmatismo

L’astigmatismo è tra i più comuni difetti refrattivi dell’occhio e solitamente si va ad aggiungere ai problemi di vista di chi già soffre di miopia o ipermetropia. Chi soffre di astigmatismo percepisce all’interno dell’occhio due punti focali, per questo motivo le immagini risultano sfocate o leggermente sdoppiate. Questo difetto refrattivo può essere causato da fattori come: